Home > Sport e fair play > L’esempio di Schwazer

L’esempio di Schwazer

Ha fatto molto scalpore la notizia della positività del marciatore altoatesino Alex Schwazer trovato positivo all’Epo e così buttato fuori a pedate dalla competizione di Londra 2012. Il ragazzo, invocata una conferenza stampa, ha ammesso in lacrime tutti i suoi errori, scusandosi con tutto il mondo dello sport e riconsegnando pistola e tesserino dei carabinieri.

Tutti concordano che si tratta dell’unica nota stonata di queste olimpiadi per il clan azzurro. La maggior parte dei media non ha fatto che diluviare fango su di lui. E’ l’oro mancato, è il traditore della patria. E’ un vigliacco. E’ un infame. Così non si fa. Una delle pagine più nere dello sport italiano.

Ma la realtà è tutto l’opposto. Schwazer rappresenta, invece, un esempio più unico che raro di condotta esemplare. Non solo nel mondo dello sport, ma per tutte le circostanze della vita. Nessuno lo fa notare e lo mette in risalto, ma la vicenda è una delle pagine più trionfali dello sport. Altro che nota stonata!

Punto uno. Non appena scoperto, il ragazzo ha subito annunciato una conferenza stampa, mettendoci la faccia. Punto due. Con grande pathos e lacrime sincere, ha ammesso tutti i propri errori, senza cercare scuse o alibi. Punto tre. Non ha accusato nessuno, non ha insultato nessuno, non si è scagliato contro nessuno: semplicemente si è assunto tutte le proprie responsabilità, chiedendo umilmente scusa a chiunque fosse coinvolto. Punto quattro. Senza che gli fosse stato imposto, si è dimesso immediatamente dall’Arma dei carabinieri.

Questo sì che è un comportamento da imitare! Lo sport ne esce rafforzato grazie a Schwazer: quando si sbaglia, bisogna chiedere scusa e non scansare le responsabilità. Si dice che lo sport porta valori educativi per i giovani: mai come in questo caso tale affermazione è veritiera. Si può anche sbagliare, purtroppo, ma l’importante è uscirne a testa alta. Bravo Alex!

Formigoni, Lusi, Berlusconi, Scajola, Alfonso Papa, Dell’Utri, Milanese, Bossi, il Trota, Rosy Mauro, Belsito, Napolitano, Boni, Alemanno, D’Alema. E mi scuso se la mia memoria è corta. Di tutti questi farabutti, che hanno commesso fior di errori ed illeciti, nessuno ha seguito l’esempio di Schwazer. Anzi. Mettere la faccia? Raramente. Chiedere scusa? Mai. Assumersi responsabilità? Mai. Contro-accusare qualcun altro e gridare al complotto? Sempre. Lasciare la poltrona? Mai e poi mai!

E’ un pò come un gioco che si trova nella settimana enigmistica, quello del “trova le differenze”. Solo che in questo caso non conviene trovare le differenze tra l’esempio di Schwazer e quello offerto dall’elenco di tutti quei delinquenti, perchè ce ne sarebbero infinite. Conviene allora limitarsi a trovare le azioni in comune tra questi. Se ne trova tristemente solo una: in entrambi i casi hanno sbagliato. Poi basta.

Valerio

Annunci
  1. Charlie
    16 agosto 2012 alle 20:59

    Cosa avrebbe fatto se non fosse stato scoperto? Se avesse vinto una medaglia e i giornali si fossero riempiti la bocca di sacrifici, fatica, impegno, modello da seguire per tanti giovani che cercano nelle droghe la felicità artificiale? Si sarebbe alzato e avrebbe detto:”No, signori, abbiamo scherzato, io i sono dopato per vincere. Consegno medaglia, pistola e tesserino dellArma, perchè ho barato”? Ma su, dai…

  2. abillost
    16 agosto 2012 alle 15:55

    Questa volta sposo in pieno il post.
    Quel che risalta da questa vicenda non e’ la fase uno (l’ateta viene scoperto dopato, certamente doloroso per tutti noi) ma la fase due, il comportamento a posteriori, ben enfatizzata nei quattro punti.
    Non e’ il solito comportamento da italiota (penultimo par): e guardacaso il ragazzo e’ almeno per meta’ crucco.

  3. 13 agosto 2012 alle 11:09

    La vicenda S va’ purtroppo inserita in un contesto piu’ ampio..
    In un’Italia che sembra voler dare maggior risalto, dal punto di vista mediatico, ad una grande stronzata come questa, al caldo estivo, ai culi dei bagnanti.. e non all’economia, alla politica ed alle catastrofi umanitarie che si stanno vivendo a poche centinaia di km dall’Italia..

    Personalmente, ci vedo del marcio..
    la vicenda S potrebbe andare ben oltre l’illecito sportivo..
    tutto questo show potrebbe essere montato ad hoc per evitare che le indagine si spingano oltre.. verso il dott. Ferrari e, perche’ no, l’amata compagna..
    Secondo me siamo solo all’inizio..

  4. Giampy
    12 agosto 2012 alle 20:38

    Non mi trovo affatto d’accordo. Punto 1 ha sbagliato come tutti gli altri. Punto 2, nessuno gli ha puntato una pistola alla testa dicendo che per forza doveva essere il migliore. La cosa che proprio non accetto è che è bastata una conferenza stampa intrisa di lacrime e pentimenti dove diceva che aveva sbagliato perchè in tanti cambiassero subito la propria opinione… Ci sono molti atleti che hanno ammesso di aver sbagliato a doparsi senza fare i fenomeni in conferenza stampa. Una pagina lieta di sport è Iosefa Idem che a 38 anni arriva in una finale olimpica, Molfetta che dopo 4 operazioni alle ginocchia ha vinto un oro nel taekwondoo o come si scrive, non un atleta che si dopa e poi dice che ha sbagliato. Non dico sia peggio degli altri atleti che hanno fatto uso di certe sostanze per vincere, ma certamente non è neanche meglio.

    • 12 agosto 2012 alle 20:51

      Caro Giampy,
      Lasciando stare i risultati sportivi (a cui non ho accennato) di altri italiani medagliati, quello a cui mi riferivo non si limita solo allo sport, ma piu in generale alla vita e al lato umano della vicenda. Lui ha sbagliato, è vero. Ma ha chiesto scusa in modo sincero, ha lasciato tutto e si è dimesso spontaneamente dai carabinieri!! Non è che diventa automaticamente un santo, ma in questa Italia riconoscerai anche tu che è un caso unico di condotta!! Bravo Alex! Un modello da imitare, secondo me…

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: